USA: New York e i parchi della California – Seconda parte

Gran_canyon_arrivo_13-10.jpg10° GIORNO: 11/10 LAS VEGAS – TROPIC (Km 450, UTAH)

(Segue dalla prima parte)…Felici, a dir la verità, di tornare nel mondo normale, oggi il nostro giro prevede la visita del Bryce Canyon. Passiamo dal Nevada allo Utah (bisogna mettere le lancette avanti di 1 ora!) e il paesaggio diventa montano, ha già fatto una spruzzata di neve e lo scenario lascia senza fiato. Si vedono fattorie, le mucche potrebbero attraversare la strada e regna la pace più assoluta. Prima di arrivare al parco facciamo tappa nella simpatica cittadina mormonica di Saint George dove troviamo uno dei famosi outlet in cui fare scorta di grandi firme a prezzi più che competitivi! Il Bryce Canyon (ingresso $ 20 ma ricorda il pass!) è una sopresa con le sue guglie rosse. Sembra di stare nel paese di Hansel & Gretel. Ci sono ponti naturali scavati nella roccia e al tramonto Sunset Point ha dei colori indimenticabili. Usciti dal parco, che si sviluppa lungo una strada di ca 20 miglia, ci mettiamo in cammino per cercare un posto dove dormire. Ci fermiamo nel simpatico paesino di Tropic che, come tutti i paesini di questa zona, si snoda lungo la strada principale. Il posto dove mangiamo (che chiude rigorosamente alle 9 di sera!) ci offre la buonissima T-bone, bistecca alla griglia, accompagnata dalla tradizionale salsa BBQ, agrodolce e sicuramente nuova per i palati italiani! Pernottiamo al Bybee’s Steppinngstone Motel (che ospita anche supermercato e pompa di benzina, $ 60 a camera). Tuffo nel passato con una puntata di “Tre cuori in affitto” e poi la nanna!!

11° GIORNO: 12/10 TROPIC – BLANDING (Km 240)

Oggi è considerata una tappa di trasferimento che prevede la visita del Lago Powell. Decidiamo di fare una strada un po’ più lunga, optando per la 276 e attraversando il lago con il battello ($ 20 la traversata, rigorosamente in contanti). Anche se meno pubblicizzato qui siamo comunque all’interno di un parco (ingresso $ 20…ma se hai il “pass”…$ 0!) e il paesaggio è davvero bello. La tappa di oggi finisce a Blanding, un paesino piuttosto anonimo che fa parte della tappa di trasferimento!

Pernottamento: Gateway Inn Motel ($ 64 a camera con colazione), 88 East Center Street – Blanding UT 84511.

12° GIORNO: 13/10 BLANDING – FLAGSTAFF (Km 300, ARIZONA)

Sveglia all’alba per non perdersi i colori della Monument Valley…che spettacolo!! Dal nostro hotel percorriamo circa 60 miglia dove cominciano a stagliarsi canyons spettacolari di un colore rosso ruggine fiammante. I caratteri somatici delle persone qui cambiano perchè siamo nello Stato dei Navajo, all’interno dell’Arizona, territorio che gli Usa hanno restituito agli indiani d’America. Arrivati a Goulding Traiding Post prendiamo una deviazione sulla sinistra che ci permette di percorrere circa 20 miglia in mezzo a questi canyons ed averne un incontro molto ravvicinato! (ingresso $ 5 a persona). Passiamo quasi tre ore percorrendo questa strada di terra rossa incantati dal paesaggio e dalla sua maestosità. Lasciata la Monument Valley rimettiamo gli orologi un’ora indietro e puntiamo dritti al Gran Canyon ($ 20 ingresso ma se il “pass” hai nessun dollaro sgancerai!) che purtoppo ci accoglie con un bell’acquazzone… Peccato perchè la sua maestosità è un po’ nascosta dalla foschia e dall’umidità.

Passiamo comunque tutto il pomeriggio lì dentro fermandoci in tutti i punti da cui si gode un panorama davvero mozzafiato. Il nostro cammino prosegue e come tutti i giorni a quest’ora cominciamo a preoccuparci di dove dormire. Oggi è tragica perchè arriviamo a Flagstaff e i prezzi sono altissimi! Scopriamo poi che questa cittadina è una delle tappe fisse per chi percorre la mitica Route 66; alla fine troviamo due letti in una camerata dell’Hostal Gran Canyon ($ 19 a persona + colazione). Siamo praticamente in mezzo ai figli dei fiori e, assunto un atteggiamento goliardico, forse è uno dei posti che meglio rimarrà impresso nelle nostre menti! Cenetta in un ristorante messicano, anch’esso molto alternativo ($ 30 in due)!

13° GIORNO: 14/10 FLAGSTAFF– SAN DIEGO (Km 600, CALIFORNIA)

Giorno di trasferimento anche questo ma che riserva comunque il suo fascino perchè lo passiamo interamente nel deserto dell’Arizona… Siamo circondati dai tipici cactus alti e che sembrano avere due braccia (!), un paesino ogni tanto e deserto deserto deserto… Per colazione ci fermiamo a Prescott, il tempo di un caffè nei suoi tipici saloon dove alle 10 di mattina ci sono clienti con una bella birretta al posto del caffè! Arriviamo a San Diego nel tardo pomeriggio ma oggi la preoccupazione non sussiste perchè durante il viaggio abbiamo già prenotato l’hotel per due notti (necessario il numero di carta di credito per le prenotazioni telefoniche). Lasciate le valigie in hotel, andiamo a cena in un locale originalissimo nel cuore della downtown, più precisamente in Fifth Avenue nel Gaslamp Quarter. Il Gaslamp Strip Club (la strip steak non è un balletto scandaloso ma il particolare taglio del controfiletto di manzo!) ha due grandi griglie al centro del locale, il cameriere ti porta la bistecca cruda e tu te la vai a cuocere come un vero americano alle prese con il barbecue, salsine e BBQ comprese (cena $ 25 a persona).

Pernottamento: Hotel la Quinta Inn & Suite ($ 115 a camera), 2380 Moore Street – San Diego CA 92110

14° GIORNO: 15/10 SAN DIEGO

Il nostro hotel si trova nella Old Town e quindi la visita della città comincia da lì. E’ esclusivamente per turisti e si sente moltissimo la vicinanza con il Messico (appena 20 miglia!). Hanno praticamente ricostruito un paesino stile messicano con tanto di locande, dentista, banca e così via…Una breve passeggiata a piedi e poi in auto proseguiamo arrivando alla bellissima penisola del Coronado, un lembo di terra, quartiere di San Diego, occupato da ville meravigliose in stile vittoriano in cui si trova anche il famosissimo Hotel del Coronado che ospita tantissime star ed è “location” cinematografica di molti film. Con l’idea di attraversare il confine per visitare Tijuana in Messico (idea poi abbandonata) riusciamo a visitare S. Ysidro, al di qua del confine, la cui attrazione principale è un outlet di dimensioni gigantesche.

Tornati a San Diego ci concediamo una bellissima passeggiata al Balboa Park. L’atmosfera è bellissima e tra gli alberi si riesce a intravedere lo skyline di San Diego. L’archittetura degli edifici, delle fontane e piazzette di questo parco assomigliano molto allo stile portoghese. Particolarmente interessante è il Simon Edison Center for the Performing Arts, ispirato allo shakespeariano Old Globe Theatre. Per cena ci spostiamo alla Ocean Beach, un luogo che in ottobre assume l’aria triste ma affascinante del mare in inverno ma che in estate deve essere affollatissimo di surfisti e bagnanti! Mangiamo in un locale gremito di giovani che guardano la partita di football: birra e bistecca di squalo ($ 15 a persona)!

15° GIORNO: 16/10 SAN DIEGO – LOS ANGELES (Km 200)

Lasciamo San Diego di buon’ora alla volta del divertimento: Disneyland!!! Il parco è a pochi km da Los Angeles, in località Anaheim. E’ diviso in Disneyland Park e Disney’s California Adventure (ingresso singolo $ 63, per entrambi i parchi $ 89). Come dimensioni è molto più piccolo di quello di Orlando ma si possono fare le mitiche montagne russe e tutte le attrazioni, soprattutto quelle in 3D sono davvero divertenti! A fine pomeriggio lasciamo Disneyland per arrivare nella tentacolare Los Angeles, ma armati di cartina e pazienza troviamo in men che non si dica il nostro hotel, nella zona di Downtown. L’hotel è decisamente brutto ma ha un prezzo concorrenziale e molto vicino ai luoghi di interesse. Le nostre ultime tre notti saranno qui! Per cena, incuriositi e impazienti di vedere, ci spostiamo a Hollywood, mangiamo in un locale tipico: il Mel’s Drive Inn (cena $ 17 a persona), il personale è così così però sembra davvero di essere su Happy Days!

Pernottamento: Stillwell Hotel ($ 68 a camera a notte), 838 S Grand Ave – Los Angeles

16° GIORNO: 17/10 LOS ANGELES

Oggi Universal Studios…Un nome, un mito! (ingresso $ 59 a persona. Spendiamo praticamente tutta la giornata in questo fantastico mondo che è fatto di effetti speciali e di ricostruzioni di set cinematografici. Imperdibile ogni attrazione, da Water World (un aereo in volo piomba nell’acqua a pochi metri dal pubblico!), a Shrek in 4D, agli effetti speciali con il fuoco di Backdraft, allo Studio Tour che ti porta dentro le scene con terremoti, inondazioni e squalo che esce da un tranquillo laghetto!! Veniamo via come due bambini tristi fuori dalle giostre!!

17° GIORNO: 18/10 LOS ANGELES

Stamattina ci siamo svegliati tardi…alle 9! Ormai siamo padroni della città e puntiamo dritti in Hollywood Boulevard, visitiamo la “Walk of Fame” dove con un po’ d’orgoglio nazionale troviamo le impronte di Marcello Mastroianni e Sofia Loren! Vediamo il Kodak Theatre dove ogni anno assegnano gli Oscar e quasi per caso troviamo un simpatico tour organizzato di 2 ore per le ville di Beverly Hills ($ 28 a persona). Visto il sole e la bellissima giornata calda ci facciamo questo giretto tra ville mozzafiato di personaggi famosi e non (le ville più belle sono tutte di avvocati!), mentre ci attraversano la strada Ferrari, Jaguar…Niente Panda…Che strano..! Nel pomeriggio, visto che la giornata è all’insegna del lusso, ci concediamo una passeggiata (solo quello però!) tra le bellissime vetrine di Rodeo Drive fino ad arrivare al Regent Beverly Wilshire, location cinematografica di “Pretty Woman”…meglio il nostro Stillwell Hotel ;-))!! Stasera si cena a Santa Monica, una deliziosa cittadina di mare che fa comunque parte dell’immensa Los Angeles! Ceniamo in un locale delizioso con bistecche di gambero e frittura di calamari mondiale! (cena $ 31 a persona): Dopo cena la serata è perfetta per una passeggiata sulla pista ciclabile della spiaggia, in riva all’oceano.

18° GIORNO: 19/10 LOS ANGELES – ITALIA (arrivo il 20/10)

E’ l’ultimo giorno…Abbiamo il volo alle 19 e quindi in mattinata ci concediamo di nuovo una passeggiata a Santa Monica ma questa volta con un sole cocente e la spiaggia animata! C’è un Pier molto carino da percorrere a piedi e accanto al pontile passiamo per la famosa Muscle Beach, dove sono nati i primi cultori del body building. L’atmosfera è estiva, anche se siamo a fine ottobre: ragazzi che giocano a beach volley in spiaggia, altri vanno in skateboard, in bici…Pensare che a Milano domani troveremo pioggia e nebbia!! Da Santa Monica ci avviamo con calma verso l’aeroporto passando per Venice Beach. Ritroviamo tutti i posti di quando siamo arrivati: l’hotel Hilton, la Alamo e il pullmino del rent che ci riporta al terminal…E’ stato bello, ogni giorno le aspettative sono state ampiamente superate, abbiamo visto città immense e paesaggi mozzafiato e ci sentiamo solo di dire: arrivederci USA!

 

UN PO’ DI CIFRE:

Volo LUFTHANSA, intercontinentale e interno, € 982 a persona (tasse incluse)

Noleggio auto ALAMO 15 gg (cat. medio/alta, km illimitato, CWD, 2° guidatore): € 800 totali

3 notti in hotel a NYC e 1 notte a Los Angeles (prenotati tramite tour operator): € 375 a persona

Spesa media: cena $ 25, colazione $ 12, pieno di benzina $ 30/40.

NB: non ci sono pedaggi autostradali e tutti i prezzi indicati sono comprensivi di tasse (obbligatorie, tra il 10/15 %, per ogni tipo di acquisto negli USA)

 

Silvia e Claudio 

Vuoi raccontarci il tuo viaggio: invialo pure a info@professioneturismo.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *