Sardegna in vendita: l’isola di Budelli a Mr Harte

budelli 2Alcuni lettori ricorderanno la meravigliosa imitazione dell’ex Ministro Tremonti ad opera di Corrado Guzzanti nella quale si raggiungeva l’apice della comicità indicando una delle soluzioni percorribili dall’Italia per uscire dalla crisi economica internazionale: “vendiamo la Sardegna!” fece dire il comico al Ministro. Risate a non finire se non fosse che qualche anno più tardi, in questi gironi ad esser precisi, un tal Mr Michael Harte, eccentrico mecenate (ambientalista) neozelandese, acquista l’isola di Budelli, una delle perle dell’arcipelago della Maddalena in Sardegna.

harte
Michael Harte

Qualcuno immaginiamo vorrà sapere a quanto ammonta l’affare? Poco meno di 3 milioni di euro, assicurano le fonti legali italiane di Mr Harte, per aggiudicarsi (all’asta!) l’isola incantata che fece da sfondo ad uno dei film cult della storia del cinema: “Deserto Rosso” di Michelangelo Antognoni. Qualcun altro dei lettori vorrà sapere anche se il banchiere neozelandese, CEO di Commonwealth Bank of Australia, potrà gestire in tutta libertà il suo nuovo patrimonio?

Occorre tranquilizzare il lettore, in quest’ultimo caso, poiché l’acquirente di un’isola quale che sia, per di più appartenente ad un parco nazionale protetto, non può certo pensare di avere carta bianca. A tal proposito, il sindaco della Maddalena ed il presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago, che incontreranno a giorni l’acquirente, hanno subito tenuto a precisare che, al di là dei probabili buoni propositi del signor Harte (da molti definito un ambientalista convinto e che ha già effettuato operazioni di conservazione del paesaggio in varie parti del mondo), “esistono tutti gli strumenti per salvaguardare l’isola che resta sotto tutela integrale.”

L’isola, da quel che risulta, sarà intestata al magnate neozelandese (probabilmente attraverso una società controllata con sede in Svizzera). Vale la pena ricordare che in tutto l’arcipelago è possibile edificare solo ed esclusivamente nell’isola della Maddalena peraltro con fortissime limitazioni. L’isola di Budelli è un gioiello, e così siamo certi resterà, di circa 160 ettari per 12 chilometri di coste. Le limitazioni nel tempo intervenute sull’isola sono la conseguenza di saccheggi e furti di sabbia che sono avvenute regolarmente dagli anni ’80 in poi ad opera di turisti senza scrupoli.

Precedentemente l’isola è stata “proprietà” di Gallura Immobiliare, una società milanese poi fallita, e per approdare sull’isola occorrevano 5 euro. Ora l’isola è chiusa al turismo, vietati anche transito ed ormeggio. Ci vorranno anni per ripristinare la natura nelle spiagge depredate. Buona fortuna Mr Harte!

 

GM 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *