Normativa U.E., subentra l’obbligo del passaporto per i minori

E’ stata inviata proprio in questi giorni a tutte le agenzie di viaggi, ampiamente diffusa anche a livello mediatico, una circolare riportante importanti modifiche della normativa passaporti, entrate in vigore a partire dal 25 novembre.

In applicazione della nuova disciplina comunitaria in materia di passaporti, in data 25 novembre sono entrate in vigore due importanti modifiche all’attuale legge con le quali si sancisce, anche in Italia, l’obbligatorietà del passaporto individuale per i minori differenziandone la validità a seconda dell’età.
In realtà la normativa non incide (come si era pensato in un primo momento a causa di qualche omissione da parte degli organi informativi) sui vecchi passaporti. Questi continueranno infatti ad avere regolare validità fino a scadenza e la modifica si applica naturalmente solo ai documenti di nuova emissione.

Entrando nel merito del Regolamento del Parlamento Europeo del Consiglio n° 444/2009, recante disposizioni in materia di passaporti contenenti elementi biometrici, da sottolineare l’introduzione del principio “una persona – un passaporto“, secondo cui i passaporti devono essere rilasciati come documenti individuali.

Le nuove norme – che rispondono ad un’esigenza fortemente avvertita dalla Farnesina e dal Ministero dell’Interno – garantiscono una maggiore individuabilità e quindi sicurezza per i minori che viaggiano, permettendo quindi di fare meglio fronte ai crescenti fenomeni della sottrazione indebita di minorenni e della tratta internazionale di minori.
A tal fine è prevista l’eliminazione della possibiltà di iscrizione del minore sul passaporto del genitore (o tutore o altra persona delegata ad accompagnarli) e una durata temporale differenziata dello stesso al fine di poterne aggiornare la fotografia in relazione al mutamento delle sembianze degli aventi diritto. A breve si aggiungerà anche la rilevazione delle impronte per i maggiori di 12 anni.

A partire dal 25 novembre, i passaporti di nuova emissione hanno quindi una validità di tre anni per i minori da zero a tre anni e una validità di cinque anni per i minori di età compresa tra i tre e i diciotto anni.

Approfittiamo di questo flash di aggiornamento (e in prossimità delle partenze di alta stagione invernale) anche per cercare di fare un po’ più di chiarezza su uno dei problemi relativi ai passaporti che spesso chi viaggia segnala al momento della prenotazione; quello cioè riguardante la validità residua minima richiesta del passaporto.

Ricordiamo a tal proposito che al di là di poche eccezioni ove occorre semplicemente che il passaporto sia in corso di validità (tra le altre Santo Domingo, Capo Verde, o Egitto per chi vi espatria con il passaporto), per tutte le altre destinazioni è sempre richiesta appunto la validità residua del documento, in taluni rari casi di tre, ma quasi sempre di sei mesi, calcolati a partire dalla data in cui si lascia il paese in cui si è soggiornato.

Ad ogni modo il consiglio migliore è quello, se si ha qualche dubbio, di rivolgersi agli uffici competenti (amabasciate e consolati) anche con l’ausilio delle agenzie di viaggi.

Federico Baldarelli

Il sito Viaggiaresicuri del Ministero degli Esteri

Un pensiero riguardo “Normativa U.E., subentra l’obbligo del passaporto per i minori

  • 7 Gennaio 2010 in 00:17
    Permalink

    Il 20 dicembre, io, mio marito e mia figlia di 4 anni dovevamo partire per New York ma all’aereoporto non ci hanno fatti partire perchè la bimba risultava solo sui nostri passaporti e non ne aveva uno personale.Persone”competenti” in materia, ci avevano confermato che i nostri andavano ancora bene perchè fatti a maggio 2009.Poi, recentemente, leggiamo su un noto giornale nazionale un signore che pone la domanda se necessario il passaporto individuale per il suo bimbo di 3 anni e l’esperta risponde di “stare tranquillo” perchè la legge vale solo per chi deve fare passaporti nuovi.Insomma, hanno fatto bene a rimandarci a casa o potevamo partire lo stesso anche noi?
    Grazie della cortese attenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *