Il fascino di Beauty Farms e Centri Benessere

images1.jpgIl costante aumento di richieste per vacanze in Beauty Farms e Centri Benessere ci invita a scrivere questo articolo, attraverso il quale andremo alla scoperta delle migliori strutture del settore. Descriveremo, in breve, alcuni dei resorts più famosi e costosi del mondo e, al tempo stesso, vi indicheremo soluzioni più “alla portata” e presenti anche nella nostra penisola presso le quali è possibile soggiornare ed intraprendere uno dei tanti percorsi benessere per rigenerarsi e ricaricare le batterie.

La cospicua presenza di strutture adibite alla cosiddetta “vacanza benessere” è sintomatica del bisogno dell’uomo di abitare, anche se per brevi a volte brevissimi periodi, luoghi dove non esistono orari ed impegni, dove il tempo sembra fermarsi e sottrarsi alle regole e ai ritmi più generali della vita moderna dettati indissolubilmente da un unico comune denominatore: la velocità.

Andiamo a scoprire insieme alcuni dei suddetti “santuari del benessere“:

BERMUDA – Cambridge Beaches (www.cambridgebeaches.com)

Si tratta di uno dei resort più romantici del mondo, situato su una penisola circondata da spiagge dalle meravigliose sfumature rosa; splendido ed esclusivo buen retiro dove è possibile praticare sports, incontrare gente e rilassarsi nella calma più assoluta scegliendo una delle piccole baie private dell’isola: si va dalla piscina circondata da colonne in perfetto stile romano all’Ocean Spa, dove sperimentare Reiki ed aromaterapia ma anche optare per il relax offerto dai numerosi massaggi (compreso quello “indiano” alla testa).

MAURITIUS – Dinarobin Hotel Golf & Spa (http://www.beachcomber-hotels.com/en/hotels/dinarobin/hotel.htm)

Situato nella penisola di Le Morne, la struttura non ha camere ma solamente suite; alle spalle montagne dalla vegetazione ricchissima e di fronte una spiaggia bianca di sabbia fine. A disposizione dei fortunati e facoltosi clienti sauna, hammam, idromassaggio, balneoterapia, bendaggi e trattamenti “Clarins” per corpo e viso. In più massaggi di ogni genere, dall’aromatico all’orientale, dallo shiatsu all’ayurvedico, passando per quelli drenanti e linfatici fino al “Phatar” , tecnica di massaggio che utilizza pietre semipreziose riscaldate ed impregnate di oli essenziali.

BRITISH VIRGIN ISLANDS – Little Dix Bay (www.littledixbay.com)

Il resort sorge nell’isola Virgin Gorda (Isole Vergini Britanniche), così la battezzò Cristoforo Colombo, per la sua silhouette assimilabile ad una donna formosa sdraiata (di qui il nome “vergine grassa”); si trova di fronte ad una baia calda e tranquilla protetta da una splendida barriera corallina. La Spa offre trattamenti che nascono da una sinergia tra gli antichi rimedi degli indigeni, basati sull’impiego di erbe e piante dell’isola, e le conoscenze occidentali. Island Fruitopia comprende maschere ed impacchi per viso e corpo a base di frutta fresca ed oli tropicali.

STATI UNITI (NEW YORK) – Mezzanine Spa at Soho Integrative Health (www.mezzaninespa.com)

Semplicemente sontuoso! Modelle, Vip dello star system e businessmen del mondo affollano l’agenda di Laurie J. Polis, celebre chirurgo estetico a capo di questa beauty farm nel cuore del quartiere di Soho. Qui la “microdermoabrasione” rende trattamenti “speciali” persino manicure e pedicure; per il viso esiste il celebre Way of Wu, un impacco a base di erbe dell’Estremo Oriente abbinato al massaggio facciale Feng Shui e all’Indian Mukhra Facial Lepa, una tecnica tradizionale ayurvedica che elimina le tossine esfoliando la cute. Per finire il trattamento più originale della Mezzanine Spa: il Tan Lepa, un bendaggio realizzato (pensate un po’!) con foglie di banano e una mistura di erbe, latte di capra per yogurt in 90 minuti di relax assoluto. Vizi da Vip!?

Soffermarsi sui costi dei singoli trattamenti offerti da strutture elitarie e così ben qualificate ci sembra quanto mai fuori luogo; ad ogni modo, vi basti pensare che chi frequenta questi “paradisi del benessere” difficilmente si occupa in prima persona delle questioni finanziarie!

Ecco invece alcune strutture italiane di ottimo livello e, quantomeno, più facilmente raggiungibili:

Sauze D’Oulx (Piemonte), Abano Terme (Veneto), Bagno di Romagna e Salsomaggiore Terme (Emilia Romagna), Saturnia (Toscana, pianificabile anche in economia come terme libere, le cosiddette terme dei “poveri”!!), Fiuggi (Lazio) ed Ishia (Campania), Bad Gastein (Austria) e Portoroz (Slovenia).

A voi la scelta!

 

Giacomo Morandi

Sito Utile: hotelbenessere.it 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *