Cambia la politica tariffaria di Ryanair

ryanQualcuno ricorderà l’annuncio “shock” di Mr O’Leary, patron di Ryanair, rispetto alla possibile introduzione della toilette a pagamento sui propri aeromobili? Ora, consultato il commercialista (nel 2013 il vettore non sembra aver ottenuto i risultati sperati), “Mr Lowcost” sembra aver cambiato idea. Le voci parlano di un approccio più orientato ai passeggeri, concetto che in ambito turistico viene identificato come “customer oriented”.

Sarà per la crisi di numeri come detto o, sostiene la compagnia, a seguito di un sondaggio condotto con i passeggeri più fidelizzati, sta di fatto che il vettore irlandese ha deciso di rivoluzionare la sua politica tariffaria e concedere più opportunità ai “cari” passeggeri. Non va dimenticato in tal senso che la concorrente Easyjet ha da tempo lanciato forti segnali cui non si può non rispondere. Basti pensare all’assegnazione dei posti al momento dell’acquisto del biglietto che, già ufficiale per i voli Easyjet, con Ryanair dovrebbe avvenire solo a partire dal 01 febbraio 2014.

Possibile da subito, invece, e su tutta la flotta Ryanair, portare gratuitamente in cabina un secondo bagaglio a mano in aggiunta a quello fino a 10 chili già concesso. Questo secondo bagaglio deve avere dimensioni ridotte (35x20x20 cm). Qui la differenza con i competitor low cost risulta evidente e la rivoluzione voluta da Mr O’Leary posa un mattone importante.

All’inizio di gennaio, inoltre, Ryanair ridurrà le tariffe per il check in dei bagagli da stiva, portando da 60 a 30 euro la tariffa per i bagagli che possono essere consegnati al controllo di drop off e da 60 a 50 euro quella per i bagagli che devono fare il check in al gate; allineando quindi le tariffe a quelli degli altri vettori low cost.
Ancora, sui voli che decollano prima delle 8 del mattino e dopo le 21 della sera (i cosiddetti “quiet flight”), gli annunci in cabina saranno esclusivamente quelli di sicurezza prescritti dalla legge (dunque niente jingles né lotterie in questi orari!).

Altra importante novità, destinata ai più distratti, la riduzione per i passeggeri che già hanno effettuato il check in online, della tariffa di ristampa della carta d’imbarco: da 70 euro a 15 euro. La nuova tariffa di ristampa è valida soltanto per chi ha effettuato il check in almeno 4 ore prima della partenza, per gli altri vige ancora quella da 70 euro.

 

GM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *