Malpensa verso il rilancio: pronti 1,4 miliardi di euro

La SEA, società che gestisce gli aeroporti milanesi, ha recentemente approntato, in accordo con l’Enac e i ministeri competenti, un piano di trasferimento dei terreni circostanti l’area aeroportuale che sono passati dal demanio della Difesa a quello dei Trasporti.
Il presidente e a.d. di Sea Giuseppe Bonomi (foto) ha a questo riguardo sottolineato che “Coerentemente con il nostro piano industriale stiamo preparando la fase di rilancio del nostro scalo, depresso dal de hubbing di Alitalia e dalla crisi internazionale.  Questo – ha aggiunto il presidente – è solo un primo grande passo per prepararci al ritorno della crescita nel nostro settore, che avrà un culmine, secondo le stime degli esperti, nel 2015.
Ritorno della crescita che – sempre secondo Bonomi – sarà incoraggiato anche da un massiccio investimento di 1,4 miliardi di euro che ci permetterà la messa in opera della terza pista, l’allargamento dell’area Cargo e la nascita di una piattaforma logistica presso l’aeroporto lombardo”.

L’operazione avrebbe trovato il sostegno finanziario dalla cessione dei terreni che dovrebbe avvenire in cambio della costruzione di strutture ed appartamenti per i componenti del ministero della difesa.

La novità più importante, nell’ambito dello sviluppo di nuove infrastrutture, è senza dubbio quella riguardante il progetto della terza pista, che dovrebbe essere operativa per il 2015 e che sarà situata in parallelo alle altre due ma il cui apice sarà poggiato sul Terminal 1.

Da segnalare che, nonostante da gennaio a maggio di quest’anno il totale passeggeri di Malpensa sia diminuito del 18,8% rispetto allo stesso periodo del 2008, incoraggianti segnali di ripresa si sono registrati nel confronto parziale in positivo, sempre anno su anno, relativo agli ultimi due mesi del periodo considerato (aprile 1,49 milioni e maggio 1,47 milioni di passeggeri), tanto che le aspettative sono quelle addirittura di chiudere l’anno in positivo, anche in considerazione dei contatti già avviati, in particolare con Lufthansa, per portare a Malpensa nuovi voli.

 

Federico Baldarelli

 

Fonte: TTG Italia 2 luglio 2009

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *