Livingston Air, quale futuro?

Risale all’ 8 ottobre 2010 la nota stampa emessa da Livingston con la quale la compagnia aerea comunica la sospensione totale delle proprie operazioni di volo.
La notizia era ormai nell’aria da tempo; le difficoltà finanziarie della società di Cardano al Campo (Va) erano infatti facilmente prevedibili data la massiccia contrattualizzazione che la compagnia aveva in essere con il  tour operator “I Viaggi del Ventaglio” le cui vicissitudini piuttosto recenti sono ben note.
498 i dipendenti Livingston ad oggi in cassa integrazione e proprio la portavoce dei lavoratori, Gloria Bolognini, ha recentemente dichiarato: “stiamo vivendo alla giornata, creando diverse occasioni per confrontarci e tenere alta l’attenzione sul caso”.

Dal 27 ottobre il governo ha intanto individuato nella persona di Daniele Discepolo, avvocato esperto in ristruttuazioni aziendali, la figura di commissario straordinario della compagnia. A lui il non facile compito di salvare la società fino a qualche tempo fa tra i leader nel settore charter a medio e lungo raggio in particolare per le destinazioni caraibiche.

Discepolo ha incontrato proprio in questi giorni i rappresentanti sindacali dei lavoratori della Livingston che hanno sottolineato l’urgenza di riprendere l’attività. Discepolo ha spiegato loro come intende procedere durante questa delicata fase, con l’obiettivo di dare un futuro al vettore.

Daniele Discepolo

Ci sono segnali che fanno sperare che il salvataggio sia possibile; il commissario straordinario ha già infatti avviato numerosi incontri con rappresentanti di cordate imprenditoriali, italiani ma anche stranieri, interessati a rilevare l’attività di Livingston. A giorni dovrebbe essere comunicata al Governo una prima valutazione delle offerte.
tra le cordate che si sono proposte e che il commissario sta esaminando, quella verso cui tendono le rappresentanze sindacali è Air Four, che ha a capo l’ingegnere Andrea Molinari, personalità già conosciuta in quanto ex amministratore delegato nella originaria Lauda Air.

Positiva nel complesso la risposta del settore a questa crisi: Federviaggio conferma infatti che le riprotezioni dei passeggeri sono state portate a termine positivamente.
L’operazione sarebbe comunque costata oltre un milione di euro ai tour operator coinvolti. «Nella speranza che i molti interventi in atto portino ad una soluzione positiva della fase che Livingston sta attraversando – si legge in una nota – Federviaggio esprime altresì sincera solidarietà a tutto il personale di terra e di volo della società che ha sempre
dato dimostrazione di grande professionalità ed attaccamento all’azienda».

Da sottolineare che in questo scenario si e’ inserito con decisione il competitor Blue Panorama che, con l’inserimento di voli aggiuntivi fino alla fine di dicembre, ha cercato di assorbire la capacità degli operatori verso i Caraibi ed è intervenuta anche nella programmazione a medio raggio di alcuni tour operator su Egitto e Tunisia.

Federico Baldarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *