Home » Approfondimenti

Giappone futurista: JR-Maglev e il treno che viaggia a 600 Km/h!

14 novembre 2014 2.121 visualizzazioni Scrivi un commento

maglevLo scopo è quello di entrare, per primi, nel futuro. Il giappone ha sempre cercato di farlo con alterni risultati senza però mai perdere quello spirito scientifico che guida la ricerca e l’innovazione. Ha dell’incredibile il progetto nipponico JR-Maglev firmato Central Japan Railway, ben noto e in notevole via di sviluppo attraverso i test di questi ultimi giorni cui stanno dando risalto la maggior parte delle testate giornalistiche internazionali.

Il treno utilizza magneti superconduttori e sospensioni elettrodinamiche, al contrario del già operativo Transrapid, che utilizza convenzionali elettromagneti e sospensioni elettromagnetiche di tipo attrattivo. Il “Superconducting Maglev Shinkansen” sviluppato dalla Central Japan Railway Co. (“JR Central”) e Kawasaki Heavy Industries è un concentrato di tecnologia al servizio dei trasporti terrestri.

Il treno sarà a guida automatica, senza macchinista a bordo e per frenare si useranno due sistemi: il primo, quello principale, è un sistema magnetico che inverte la polarità dei magneti, facendo decelerare il treno; il secondo è un sistema di aerofreni di derivazione aeronautica, che agiscono grazie all’attrito con l’aria. Il treno si solleva di circa 10 millimetri da terra per l’azione di magneti posti sulla “rotaia guida” e di altri magneti superconduttori posti lungo tutto il treno, in una speciale lega di niobio e titanio raffreddata a -269 °C da elio liquido.

La proposta del Chūō Shinkansen è stata approvata il 27 maggio 2011, la costruzione è iniziata nel 2012 e nel 2027 Tokyo e Nagoya verranno collegate dal maglev in quaranta minuti; il completamento del tracciato fino a Osaka avverrà verso il 2040, e Tokyo sarà unita con Osaka in un’ora e sette minuti; il tracciato di test entrerà a far parte della linea. Il treno che presterà servizio è una diretta derivazione del JR-Maglev e si chiama Shinkansen Serie L0, costruito da un consorzio formato dalla Mitsubishi Heavy Industries e dalla Nippon Sharyo.

Il 02 dicembre 2003 il treno ha toccato l’incredibile velocità di 581 km/h aggiudicandosi la palma di più veloce mezzo di trasporto terrestre.

GM