Aeroporto San Paolo Guarulhos

São Paulo/Guarulhos – André Franco Montoro International Airport (cod. IATA: GRU) è il maggiore aeroporto brasiliano e quello con il più elevato traffico passeggeri del paese. Situato nel distretto di Cumbica, nella città di Garulhos, all’interno dell’enorme area metropolitana di Sao Pualo, dista circa 25 km dalla metropoli. Costruito nel 1985, oggi Ha soppiantato l’aeroporto di Sao Paulo-Congonhas (che è ancora attivo esclusivamente sulle tratte domestiche) come principale aeroporto della città.

Nel 2010, l’aeroporto Guarulhos ha fatto registrare più di 26,7 milioni di passeggeri classificandosi come scalo più trafficato dell’intera America latina; San Paolo Guarulhos è stato inserito però anche nella classifica, stilata da Forbes magazine nel 2008, al terzo posto tra gli aeroporti con il maggior numero di voli in ritardo.

L’aeroporto ha ufficialmente cambiato la sua denominazione nel novembre 2001, quando una legge federale lo ha intitolato alla memoria di Andrè Franco Montoro, governatore dello stato di S.Paolo scomparso nel 1999. La denominazione ufficiale tuttavia, è raramente utilizzata, soprattutto dai locali, che di norma si riferiscono al loro principale aeroporto chiamandolo semplicemente Cumbica, prendendo il nome dal quartiere ove sorgeva la base militare prima della costruzione dello scalo internazionale.

Tutto il traffico passeggeri è suddiviso tra i 2 terminal attualmente operativi, con 260 banchi check-in, sono 43 attualmente le compagnie nazionali ed internazionali, operative a Guarulhos verso 32 paesi esteri e più di 100 città, comprese le tratte domestiche. La Singapore Airlines è l’ultima compagnia in ordine cronologico ad avere investito su San Paolo, istituendo, nel marzo 2011, nuove tratte verso Singapore e l’Europa (Barcellona). Anche Alitalia vola quotidianemente con una tratta diretta da Roma Fiumicino

Gli attuali 14 km quadrati dell’area aeroportuale dovrebbero essere presto ampliati con la costruzione di due terminal addizionali: le strutture attuali sono in effetti sovrapotenziate, tanto che, al fine di ridurre l’eccessivo sfruttamento dei due terminal attuali e finchè non saranno operativi i nuovi, il terminal-cargo delle compagnie fallite VASP e Transbrasil, subirà in tempi brevi (entro dicembre 2001) una riconversione al traffico passeggeri.

Nell’agosto 2009 è stato progettato un investimento di 550 milioni di euro per sviluppare le infrastrutture di Guarulhos in vista dei Campionati del Mondo di Calcio del 2014 in Brasile che vedranno la città di S.Paolo come uno dei teatri principali. L’investimento satrà distribuito per la costruzione di nuove vie di trasporto pubblico, l’ampliamento di quelle esistenti e per la costruzione già citata del terminal 3 che dovrebbe aggiungere altri 12 milioni di passeggeri al potenziale (ad oggi sovrasfruttato) degli attuali 2 terminal. Il progetto per il 4° terminal è invece considerato più a lungo termine.

Le infrastrutture presenti al momento per l’accesso all’aeroporto sono costituite dalle principali arterie stradali (Rodovia Helio Smidt, Rodovia Presidente Dutra e Rodovia Ayrton Senna) e da un servizio di trasporto Bus e taxi che collega Guarulhos con Conghonas e il centro della città.
L’interesse di moltissime società brasiliane ed internazionali si è invece concentrato sulla realizzazione di un collegamento ferroviario ad alta velocità che dovrebbe connettere l’aeroporto alle città di Rio de Janeiro e Campinas e in special modo all’area aeroportuale di Viracopos (appunto a Campinas) sulla quale si sta progettando la realizzazione, entro il 2025, del più grande aeroporto del paese in grado di accogliere, in prospettiva, un traffico di più di 60 milioni di passeggeri l’anno.

Federico Baldarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *