Club Med

clubmed.jpgUN PO’ DI STORIA

Fu Gerard Blitz ad elaborare in Francia nel 1949 l’idea del Club Mèditerraneè. Un’idea geniale e al tempo stesso completamente rivoluzionaria basata su un approccio del tutto nuovo nei confronti del tempo libero:

“vivere in comunità su un’isola il periodo delle vacanze e far condividere a tutti la scoperta degli sport marini”.

Secondo lo stesso fondatore del Club Mèd, proprio da quest’idea nasce una vera e propria filosofia di vita molto accattivante: “Lo scopo della vita è essere felici, il posto per essere felici è qui, il momento è adesso”.

Il villaggio Club Mèd, dapprima unico e “itinerante” venne nel corso dei decenni successivi affiancato da una lunga serie di destinazioni e idee.

Negli anni ’50 Club Mèd approda a Tahiti; unico piccolo ostacolo, occorreva disporre al tempo di 4 mesi di vacanza e di 240.000 franchi per partecipare alla vacanza! Il club Mèd brevetta in questi iniziali anni di attività, primo in tutto il mondo, anche l’originale formula del “braccialetto All inclusive” la nuova moneta del club.

Negli anni’60 e ’70 nascono i villaggi di Arziv (Israele), Agadir (Marocco) e Assinie (Costa d’Avorio); nasce in questo periodo anche l’idea del Miniclub e nuove discipline sportive considerate prima elitarie, come il tennis, il golf e l’equitazione, fanno il loro ingresso ai club mèd in una sorta di processo di “democratizzazione” dello sport e della vacanze.

Negli anni ’80 e ‘90 la vera e propria “conquista del mondo” con i villaggi di Bora Bora, Messico, Malesia, Bahamas, Brasile, Nuova Caledonia, Arabia saudita e Maldive, Giappone e tanti altri.

Ad oggi il Club Mèd rappresenta uno dei punti di riferimento fondamentali della vacanza in villaggio; una vera e propria multinazionale della vacanza, con decenni di attività, esperienza ma anche di idee innovative applicate al concetto di vacanza e tempo libero.

IL CATALOGO:

logo club med tri.jpgDavvero molte le proposte del catalogo 2006 dell’operatore francese:

si va da Agadir e Marrackech in Marocco, Djerba e Hammameth in Tunisia (località queste storicamente prese d’assalto dal turismo francese), fino a Kos in Grecia o Beldi e Bodrum in Turchia.

Per quel che riguarda il nostro paese Otranto, Metaponto, il siciliano Kamarina (nei pressi di Ragusa), Napitia in Calabria e Caprera in Sardegna sono le destinazioni mare proposte. Annotazione a parte per Sestiere e Cervinia che, insieme a moltissime altre località di montagna, soprattutto transalpine, formano la nutrita schiera dei Club med in montagna…veri e propri “cult” degli sport invernali.

Per il lungo raggio segnaliamo invece tra gli altri, Bali, Cancun e Ixtapa In Messico, Kani alle isole Maldive, Le Cannoniers a Mauritius, Cap Skirring lungo la costa del Senegal, Guadalupa e Martinica (come potevano mancare!) oltre a Turks and Caicos e la Repubblica dominicana per la fascia caraibica. Non mancano località più esotiche e decisamente meno conosciute dal turismo italiano: tra queste in particolare l’isola di Lindeman in Australia e la bianchissima baia di Kabira in Giappone.linde.jpg

Le quote variano molto ovviamente a seconda delle località di interesse anche se non ci si può aspettare i livelli di offerta “al ribasso” che è possibile trovare sul mercato da parte di operatori più “popolari”.

IL SITO:

Oltre ad essere graficamente molto gradevole e particolarmente semplice e fruibile dal punto di vista strutturale, il sito web si presenta senza dubbio come uno dei più completi e maggiormente funzionali del panorama degli operatori turistici.

Insieme alla sezione più classica delle offerte speciali segnaliamo le innumerevoli possibilità di selezione del villaggio ideale a seconda dei servizi che maggiormente ci interessano: oltre a criteri più ovvi ed immediati, come la destinazione geografica, è possibile selezionare il “clubmed preferito” anche a seconda di altre caratteristiche come ad esempio l’assistenza alle famiglie (con divisione in babyclub, petitclub, miniclub e juniorsclub).

In pieno stile Club Med il criterio di ricerca a seconda del “tipo di piacere”:

per rigenerarsi, per vivere al 200%, per provare un po’ di tutto, per vivere il sensazionale, per scoprire nuove culture e per scoprire e vivere lo sport, qualità quest’ultima decisamente storica e che caratterizza fortemente l’esperienza dei club med, da sempre considerati veri e propri templi per gli amanti della vacanza sportiva.

Autentico inventore del villaggio turistico e della vacanza in comune, Club Méd rimane ad oggi sicuramente uno dei marchi più apprezzati a livello internazionale.

Particolarmente amato in Italia da chi, pur non rinunciando all’esperienza di vacanza più classica, basata su mare-famiglia e attività di leisure, è attratto anche da un certo clima internazionale e, perché no, da un’atmosfera un pizzico “elitaria”.

 

Federico Baldarelli

Il sito di Club Med

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *