Alpitour (prima parte)

alp.jpgNel presentare le caratteristiche generali di questo tour operator, non ci appare esagerato affermare che Alpitour rappresenta da oltre cinquant’anni il riferimento e, verrebbe quasi da dire il sinonimo per eccellenza, della vacanza organizzata italiana, in particolare indirizzata alla famiglia.

Un po’ di storia: Il primo ufficio “Alpi” nasce a Cuneo

nel 1947; è una piccola agenzia viaggi e turismo che trasporta gli italiani, in pullman e in treno agli eventi più significativi del periodo come l’Anno Santo a Roma o il Carnevale di Nizza. Negli anni’60, con lo sviluppo delle prime forme di turismo di massa, Alpitour crea la formula “inclusive tour” organizzando i primi circuiti “tutto compreso” prevalentemente nelle capitali europee. Negli anni ’70 la grande crescita con l’organizzazione dei primi voli corto raggio per le coste del Mediterraneo che porterà l’operatore piemontese ad assumere il ruolo di vero e proprio leader della vacanza nei successivi anni ’80 anche grazie al decisivo sviluppo dell’organizzazione e dell’assistenza all’estero. Negli anni ’90 vengono messi a punto programmi sempre più articolati e si ampliano i viaggi a lungo raggio, nascono gli hotel “Italian style” e i “Bravoclub”, i villaggi di Alpitour.bravoclub.jpg

Nel 1998 inizia il processo di sviluppo organizzativo che ha portato all’attuale configurazione del gruppo sotto il controllo dell’azionista Ifil La struttura del gruppo: Il gruppo Alpitour rappresenta ad oggi una realtà integrata in grado di presidiare l’intera filiera del business delle vacanze organizzate. Attualmente infatti, all’attività caratteristica di tour operating (Francorosso, Volando, Viaggidea, Karambola, Viaggi dell’Elefante e Bravoclub gli altri famosissimi brand della holding in questo senso) Alpitour affianca società collegate operative rispettivamente nel settore alberghiero ricettivo (Altamarea Hotels & Resorts), della distribuzione (Welcome Travel), dell’aviazione (Neosair) e dell’Incoming (Jumbotours).

In riferimento a quest’ultima divisione, e a dimostrazione della grande importanza del gruppo anche da un punto di vista che verrebbe da definire “istituzionale”, segnaliamo che il Toroc (Comitato Olimpico), ha affidato a Jumbo l’accoglienza delle 37.000 persone che fanno parte di comitati olimpici, federazioni sportive, sponsor, media e volontari di tutto il mondo in occasione delle recentissime Olimpiadi Invernali Torino 2005…continua

 

Federico Baldarelli

Link utili: Bravoclub

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *